UN AIUTO PER I MIGRANTI CON TIROCINIO SOSPESO

Mondi senza frontiere, ARCI Solidarietà Thomas Sankara, C.R.E.S.Co., INcontroMano, La Speranza hanno partecipato insieme al bando “Comunità fragile”, unendo i loro sforzi per aumentare l’efficacia dell’azione, con il progetto  “COVID-19: SOSTEGNO AL REDDITO DEI MIGRANTI CON TIROCINI SOSPESI”. Dei fondi ricevuti beneficeranno una trentina di persone.

Il D.L n. 18 del 17 marzo 2020 e i successivi sono intervenuti con provvedimenti a sostegno dell’occupazione e dei lavoratori, ma hanno escluso coloro che in questi mesi stavano svolgendo tirocini di inserimento lavorativo, tutti sospesi a causa dell’emergenza Covid-19 e con conseguente interruzione dei pagamenti delle indennità. 

Il compenso normalmente previsto per i tirocini (600 euro al mese) consente la pura sopravvivenza e in alcuni casi è l’unica fonte di sostentamento di una famiglia. 

La situazione è grave perché le persone seguite dalle associazione, non hanno una rete familiare che possa supportarle in questo momento critico. 

Il progetto è stato formulato con un obiettivo semplice ma concreto: dare un sostegno immediato e temporaneo (un mese e mezzo, indicativamente il periodo individuato per l’emergenza) ai migranti in difficoltà economica per la mancanza di reddito. Più precisamente: sostegno per il pagamento di affitti per gli alloggi autonomi, bollette, spese per l’igiene personale e casa, farmaci e schede telefoniche.

“L’emergenza sanitaria causata dal Covid-19 sta colpendo dolorosamente tutta la società”, dice Carla Garbaccio, presidente di MONDI SENZA FRONTIERE, “ma per chi già viveva in condizioni difficili o di fragilità, la crisi e la disuguaglianza diventano ancora più tangibili. Le nostre associazioni seguono migranti, accompagnandoli nel difficile percorso dell’autonomia economica e dell’integrazione sociale.

Conosciamo ad una ad una le persone a cui è stato sospeso il tirocinio: ci sentiamo responsabili per loro. Non potevamo far mancare loro in questo momento il nostro supporto, consapevoli che spesso un aiuto anche piccolo può avere un grande valore per la vita delle persone, facendo la differenza tra un tempo di difficoltà e il buio della disperazione.

Per questo siamo davvero grati alla Fondazione CRB e Banca Simetica per questo contributo, che giunge tempestivamente, dimostrando quanto grande sia l’attenzione a tutte le persone che vivono in questo nostro territorio. Grazie a nome di tutti”