Lettera aperta della ciclofficina Thomas Sankara all’On. Patelli

Lettera aperta

Come Ciclofficina Thomas Sankara stiamo assistendo attoniti alla fiera delle discriminazioni
istituzionali e locali su base etnica, ci riferiamo alle dichiarazioni rilasciate dall’On. Patelli e
dall’ex candidato sindaco del Movimento 5 stelle, Rinaldi.
La cultura dell’inettitudine trionfa, ma riusciamo ad apprezzare la coerenza dell’On. Patelli la
quale ha fondato tutta la sua campagna elettorale su un unico concetto: “NO all’immigrazione”
declinato nelle possibili varianti: “difendiamoci dall’invasione” o “via i clandestini” sia che si
parlasse di economia, di scuola, di ambiente, di sanità o di cultura (la lezione l’ha imparata
bene!).
Naturalmente l’onorevole non ha perso l’occasione, vista la sensibilità sul tema, di sfruttare la
pandemia, non per contribuire a trovare soluzioni razionali e utili per tutti, bensì per invitare la
Prefettura a spostare il CAS che ospita i richiedenti asilo dal centro di Biella.
Evidentemente l’onorevole, così come il Sindaco Corradino, ambiscono a creare ghetti lontano
dai centri abitati: una nuova periferia dove non sia possibile avere relazioni di alcun tipo.
Il tempismo con cui si occupa degli immigrati contagiati, senza che mai si sia occupata con
interrogazioni parlamentari del tributo di morti avvenuto nelle RSA o della mancanza di
Dispositivi di Protezione Individuali nelle fasi iniziali della pandemia, che ha esposto il
personale medico infermieristico e sociosanitario (in molte Rsa del Biellese il 30% del
personale è stato contagiato) e dunque la popolazione tutta, a rischio di contagio, ci induce a
pensare che la strategia politica sia quella di additare gli immigrati come untori.
Forse su questo dovrebbe intervenire la Prefettura, vale a dire lo scatenarsi di paure irrazionali
provocate ad arte e alimentate dai facinorosi istituzionali.
Ma la strategia di queste destre forse è proprio quella di non risolvere nulla, di sollevare
polveroni e di impedire la visione d’insieme dei problemi da affrontare.
L’avvocato Rinaldi, poi, sta esercitando la voce per il consenso, chiedendo l’intervento
massiccio delle Forze dell’ordine per presidiare lo stabile (qui l’ignoranza e l’inettitudine sfiora
la tragedia!). All’avvocato (sic!) dobbiamo spiegare che i richiedenti asilo del CAS di Biella sono
stati monitorati in modo così efficiente ed efficace per merito dell’ASL, per cui non ci sono
focolai attivi, i positivi sono stati isolati e portati in luoghi dedicati.
A lui chiediamo come possa sapere che chi lavora non sia in isolamento fiduciario attivo? Non
abbiamo sentito preoccupazioni relative ai contagiati di un qualsiasi condominio di Biella (dove
abitano più persone di quelle presenti nei CAS) e non abbiamo visto, in merito, titoli in prima
pagina sui giornali! Ma il migrante fa audience, fa consenso, ci si può costruire una carriera
politica!
All’avvocato Rinaldi, al Sindaco (autorità sanitaria), all’Onorevole, chiediamo se abbiano fatto
la medesima richiesta per tutti i concittadini rientrati dalle ferie in Spagna, Malta, Croazia e
Grecia, se abbiano verificato la segnalazione alla ASL, se sia stato fatto loro il tampone e in
caso di negatività, se abbiano rispettato la quarantena. A loro domandiamo se anche per
queste persone e per i condomini in cui ci sono dei positivi al Covid-19 si invoca “l’impiego
massiccio di forza pubblica” per i controlli.
In alternativa ci sorge il dubbio che l’atteggiamento sia creare allarmismo (dall’incertezza c’è
sempre qualcosa da guadagnare) e che tutto ciò abbia a che fare con quel razzismo che le
istituzioni esercitano da tempo, usando come pretesto la sicurezza, il decoro, ed ora la salute
pubblica, alla quale non sanno badare!
Siamo preoccupati e chiediamo alla Prefettura di intervenire per arginare ignoranza,
pregiudizio e incapacità politica

Egregia signora Prefetto,
come Associazione Arci Solidarietà Thomas Sankara vogliamo ringraziarla per il lavoro che la Prefettura di Biella sta svolgendo presso i Cas locali e l’istituto Don Orione di Sordevolo coinvolti nell’emergenza Covid 19.

Restiamo sempre disponibili per qualunque collaborazione.

Distinti saluti.