IL TAR BOCCIA DELIBERA RAZZISTA