CIAO NASH, CHE LA TERRA TI SIA LIEVE